- Official site - 
Header Pompeilab
Benvenuto a WayCah, ultimo utente registrato il 15-04-2022

Canovaccio di scena

1/3
Non è facile trovare tempo per scrivere bene, fermarsi davvero e rileggere lentamente quello che ci è rimasto dentro, “elaborare” in italiano passabile scene, gente e rumori di affondo.. scrivere di qualcuno insomma.. stuzzicando la coda di tutte le cose che lo hanno circondato con le virgole e inventandosi per tutto il “pacchetto” una collocazione – perché no – fantastica … Parole !
- POMPEILAB prego.. e grazie di tutto ! -
Quanta gente ho visto passare io in questi ultimi mesi.. facce tutte diverse fra loro.. diverse come le attese.. diverse com’è giusto che sia … tutti dentro.. tutti fuori.. in un susseguirsi di esperienze che come minimo noi tutti vogliamo ripetere..
– Provo ad elaborare una carrellata accattivante ? –
In un certo senso, il 6 Aprile 2008 è già una data storica per il PompeiLab; infatti, con i ragazzi di Trame Africane, abbiamo inaugurato proprio quel giorno – una domenica bestiale - la stagione “dei concerti”. Fu una battaglia emozionante quella, piena di “imprevisti che fortificano” e di gente nuova che per miracolo applaudiva; per indole solidarizzava e per amore dell’ovvio, infine, centrava i bidoncini della raccolta differenziata.
Music is love, venerdi 18 aprile con pioggia annessa, è stata un’esperienza particolare, una sorta di battesimo del fuoco della tanto adorata Sala Mannitidiriale … e del suo nuovo ingresso – come dire – “posteriore”. Massimo Di Nocera, Catello Tucci e Fulvio Di Nocera hanno incantato la piccola platea con le loro note e fatto morire di invidia gli addetti ai lavori ( fra cui anche il sottoscritto ); i quali, nel vero senso della parola, ci hanno rimesso “allegramente” la sedia.
Ciro Tuzzi, Mr Milk ( antonio mosca con una cavolo di voce e la chitarra ), Gerardo Attanasio e Neve su di lei sono i quattro cantautori che hanno partecipato alla rassegna “My Drunken Guitar” ( tutti i venerdi di maggio ), organizzata dall’Arci Oplonti e ospitata dalla Sala Mannitidiriale con la stessa nonchalance con cui il grande Napoli ha calpestato i campioni del mondo ( domenica 11 maggio.. per la cronaca ).
Si avvicina l’estate ed il palco freme.. ! Subito accontentato ! Sabato 07 giugno è la volta del progetto “Costruire con la gente”.. il programma della giornata è accattivante e la pioggia, insistente a tratti, un modo assolutamente originale per costringerci a scoprire/vivere quel “pezzo” di depuratore che proprio non ci decidevamo a conquistare … è infatti li, sotto il capannone “ritrovato”, che si è tenuto il workshop sul compostaggio organizzato dall’Oasi Ecologica Pantareicycle. Contemporaneamente, nella Sala Mannitidiriale, i ragazzi dell’associazione Archintorno hanno presentato una mostra con video annesso della loro esperienza in un villaggio indigeno nello stato di Oaxaca, Mexico. E poi ? Gran finale ovviamente, per sbeffeggiare la pioggia e per ballare insieme la musica popolare: sono di scena gli Aizamm a’ Voce.
A questo punto del resoconto voglio urlare a tutti voi una parola sola: SCARRAPHONE !
Il 12 giugno, un giovedi di pioggia anomala, sono di scena i Songs for Ulan ed il capannone ritrovato si trasforma ancora. Grande voce al PompeiLab ed un parterre rumoroso ma interessato. Lo so, ho speso poche parole per questo gruppo, ma in fondo … “Cosa vi aspettate da me ? “
Domenica 15 giugno gli spazi del PompeiLab si riempiono delle opere della pugliese Tonia Copertino. “Oltre le parole” è il magnifico incontro dell’artista con i versi di John Donne.. Tonia le usa magnificamente queste parole, e le stravolge con il colore fino all’emozione rigenerante di un’opera. La serata prosegue – è giusto che io sia ripetitivo adesso – con un altro incontro, quello di Mario Tartaglione e di Pasquale Panico. Io sono ancora li, in quel giardino, fermo ad ascoltare parole e musica …


2/3
CHE FATICA QUESTO CAMBIO PALCO.. ma alla fine …

Dove eravamo rimasti ? Mamma mia, quanti ne sono ! Ecco, ci sono.
Si ricomincia proprio alla grande … leggere per credere …
Venerdì 20 giugno, ci siamo presi tutto il pacco.. e che pacco. Ecco a voi un elenco come si deve: presentazione nuovo video, conferenza stampa nuovo disco e live esagerato e spettacolare..
Si, ma di chi ?
C’è “La primavera dei sordi” al PompeiLab gente !.. Ci sono I Pennelli di Vermeer.. i loro versi anche e le melodie: prodezze partenopee ..
E c’è anche tantissima gente ad applaudirli.. il fiocco del pacco dico io.. si, perché qui da noi tira allegorica aria ed i ringraziamenti si sprecano. GRAZIE a Voi Pennelli !
Il 24 giugno è la volta degli She’s a man, preludio riuscitissimo di una serata importante.
Ma andiamo per ordine !
..Berkana, Pois e Polvere, gruppo emergente ed emozionato, ci offrono una performance “singolare”, dolce.. che non può permettersi di esaurirsi.. Buon viaggio ragazzi !
E finalmente, fra mille impegni ed innumerevoli preoccupazioni, è arrivato il tanto atteso 27 giugno. Che emozione ragazzi: i 24 Grana sono sul palco del PompeiLab ( Gosthwriters Tour data ufficiale ) ! …
Ecco ! Adesso sono fermo, le parole che avrei dovuto usare per descrivere, raccontare, rievocare, sono tutte intrappolate.. e le lascio dove sono – sia chiaro - perché voglio che si sappia in giro che non è finita.
Ho parole intrappolate negli occhi per abbonire parte delle lacrime; bloccate nella testa per permettere alle idee di dissetarsi; … ho parole che adesso non lo sono e mi sospingono …
- Siamo tutti ai nostri posti Francesco, comincia pure ! –
E’ venerdì 27 giugno - lo ripeto che è meglio, e sul palco c’è anche Libera Velo con i 24 Grana.. canta Sbaglio’ e parole, una canzone “illuminante” che chiude il concerto … Ecco, io mi fermo proprio qui.. altrimenti va a finire che ci casco anch’io …
“ PompeiLab – 24 Grana: di quelle serate da fermare, incorniciare, raccontare o meglio sussurrare”
Venerdì 04 luglio è di scena La Condizione Danzante, gruppo emergente a cui è spettato il difficile compito di fare musica sul nostro palco semplicemente dopo …
I ragazzi non si sono lasciati intimidire anzi, hanno imbracciato gli strumenti, scrutato la porzione di notte che sconsiderata si è infiltrata nel PompeiLab per emozionarli, e hanno.… suonato.
Grazie !
Giovedì 10 luglio è già una data storica, forse la più importante, la più attesa. Cito testualmente dal documento ufficiale: “ rinnovato il contratto di comodato d’uso fra le associazioni “Catello Cesarano “ e “Fuoco a Babilonia” ed il comune di Pompei per la gestione dell’area ex-depuratore fino al luglio 2009”
A furor di sondaggio popolare, e per festeggiare l’evento direi, è di scena la NUOVA TAMMORRA ORGANIZZATA … vale proprio la pena ricordarli tutti: D. Sallo ( percussioni ), C. Infante ( basso acustico ), D. Guastafierro ( flauto ) , G. Mantice ( chitarra acustica ) e la voce meravigliosa di Enzo Ciccarelli e Loredana Carannante.. Parole e musica di altri tempi gente ! Si balla.. anzi - perdonatemi - si danza !
Chiudo un momento il sipario adesso.. e lo riapro domani – badate - per raccontare ancora quello che ci è successo …

3/3

La terza ed ultima parte di questa sorprendente cavalcata estiva si apre con la laboriosa performance di Riccardo Prencipe e le sue Corde Oblique ( venerdì 11 luglio )..
All’ex depuratore è una serata emozionante, ricca di note, di immagini “importanti” ..e – perché no - di gente.. tutti incantati, presi dalle danze di Maria Esposito e dalle note vibranti del violino di Edo Notarloberti; il quale, accompagnato al piano da Monica Mollo, ha introdotto con i suoi percorsi musicali una nuova e magnifica esperienza.
Dunque: musica d’autore al PompeiLab, in un silenzio emozionato che ci ha messo tutti a sedere. Grazie!
Finalmente ci siamo.. finalmente anche noi possiamo dire:
- Gente, domani c’è il teatro !
Ecco il teatro ! .. Che poi uno si immagina un grosso camion pieno di cose, stoffa e poltroncine.. un’apparecchiatura magari.. un fatto meccanico che bisogna saper manovrare bene altrimenti non se ne fa niente.. E allora è la malinconia, mannaggia !.. O forse proprio Giovanni Teatro, una persona strabiliante col borsalino, la bocca storta e le manine gialle.. Che poi uno non fa nemmeno in tempo a raddrizzarsi.. a perpendicolare la propria essenza che ti ritrovi davanti ad interpretazioni pazzesche che vengono fuori da tutte le parti.. dal centro.. dal balcone .. dall’albero.. immedesimazioni che … … … …
– Ordine prego: il teatro è appena arrivato ! - ( mi ci voleva proprio sto fatto delle manine gialle )
Sabato 12 luglio è un’ altra data storica per il PompeiLab; infatti, in un quasi nuovo angolo del centro, la compagnia teatrale Fuorisegno di San Giorgio a Cremano, ha messo in scena “Mamma – Piccole tragedie minimali –“ di Annibale Ruccello.
Lo spettacolo comincia con la proiezione della fiaba Il re dei piriti.. il fascio di luce del proiettore sociale ha illuminato “un pezzettino” di grigio vasca ed è stato così, in questo modo estemporaneo, che il pubblico ha potuto fare la conoscenza di Rosaria De Angelis ( Mal di denti ), Giuseppe Giannelli ( La Telefonata ) e Rosaria Esposito ( Maria di Carmelo ).. dirige Genni Caruso.
Che dire di più amici.. una mano al borsalino e giù per un inchino …
Venerdì 18 luglio è di nuovo musica !
Sul palco principale del PompeiLab è il turno di una band emergente davvero interessante.. Sono di Salerno.. sono i Moodrama: “word of mouth”… !
Finalmente posso pure dire che quello che viene dopo è il penultimo appuntamento..o magari il terzultimo.. Perché non l’ultimo !
– Ecco la malinconia ! –
Che divertimento è “pareggiare” l’esito dei sondaggi ? Boh ! Magari ci penso e ve lo dico nella prima parte del resoconto dell’anno prossimo ! Lo giuro sul webmaster ed userò come portavoce Pasquale Panico !
Sabato 19 luglio ci siamo immersi piedi e fronte nel liquido del Jazz dei Funk Under Garage.
E quando è musica sorprendente voluta dal popolo dei sondaggi io sono uno di quelli che fa nomi e cognomi: Armando Salicone ( chitarra ), Bruno Luongo ( percussioni ), Francesco Marino ( batteria ), Antonio Galatro ( basso ), Jd Montuori ( chitarra e sitar ), Pasquale Galatro ( piano ) e Igor Panico ( sax ).
Bene, siamo al 25 luglio !
Adesso i “tutti” si sprecano perché fa caldo e per giunta siamo tutti emozionati … e ci si “abbraccia” poco per la stessa motivazione.
ESTATE !..

Tutti voi sapete che adesso siamo chiusi per ferie.. senza cartello però.. quindi non fatevi trovare fuori al cancello chiuso perché è inutile …
Ringraziamo immensamente tutti gli artisti che si sono alternati al cospetto delle FBT; tutti sanno che ringraziamo i King Size ( ultimo gruppo ad esibirsi )…. E tutti sanno – infine – che ringraziamo tutti quelli che sono venuti da noi.. dove adesso si chiama PompeiLab !
E’ tutto ?... Macché, adesso c’è il finale !

… Di una specie assai rara è il tempo dell’ispirazione.. un miracolo tutto silenzio ed occhi chiusi, buoni per ricordare quelli che la gente chiama avvenimenti.

Un abbraccio

Bardamù

Chi mette in ordine i nomi dei Funk Under Garage entro Ferragosto vince un mappamondo …




Commenti (1)       Foto (8)       Video (0)       Audio (0)


Torna indietro

 
©2008 Pompeilab.com Tutti i diritti riservati - Webmaster