- Official site - 
Header Pompeilab
Benvenuto a DeweyDut, ultimo utente registrato il 07-11-2019

REPRESSIONE E INTERNAMENTO AI TEMPI DELLA CRISI

Nel silenzio assordante che caratterizza la fase politica attuale dell’area vesuviana - luogo di

un’aspra battaglia di resistenza che ha visto confrontarsi, muso contro muso, da un lato una

popolazione che ha cercato (e cerca) di difendere la propria esistenza e dall’altro uno stato (con

l’intero apparato istituzionale) che con protervia e arroganza militare ha imposto scelte devastanti in

merito alla reale esigibilità di diritti fondamentali per una vita dignitosa - la mannaia repressiva, imperterrita, sferra i suoi colpi.
Era il 24 ottobre del 2010 quando i sindaci dei paesi vesuviani, facendosi portavoce di una

popolazione che mai hanno rappresentato, firmavano “l’accordo truffa” che prolungava l’utilizzo di

cava Sari a tempo indeterminato – il buco, per chi non lo sapesse, è tutt’ora sfruttato e continua ad

ingoiare rifiuti di ogni tipo nonostante sia strapieno da un pezzo e le falde acquifere sottostanti

compromesse - sminuendo così i sacrifici di chi aveva lottato affinché si profilasse una nuova

modalità di gestione dell’intero sistema rifiuti. Da quando gli accecanti fari mediatici si sono spenti

su quello che è stato il più radicale conflitto sociale determinatosi in Italia negli ultimi anni, l’azione

repressiva non ha avuto soste. Intimidazioni, denunce, arresti, avvisi di garanzia sono stati

all’ordine del giorno e sono, parimenti, passati inosservati agli occhi di tutti, a parte i direttamente

coinvolti. Si è profilata una chiara volontà politica volta a stroncare e silenziare tutti coloro che

avevano attivamente partecipato sia alla propagazione del conflitto sia alla sua realizzazione in

concreto. Amministratori comunali, provinciali, regionali, unitamente a quelle che vengono

chiamate forze dell’ ordine, lavorando sinergicamente e con scientificità, sono riusciti a sbattere in

prima pagina, come fossero dei mostri, coloro che hanno difeso con i denti quel poco che ancora

consideravano patrimonio pubblico. Ma i mostri sono loro!

Oggi la situazione è peggiore di quella di ieri: mentre sia i sindaci che i vari comitati-partito (vedi

sedicente Rete) tacciono e gioiscono cercando di accaparrarsi il merito delle inesistenti quanto

fantomatiche vittorie, alcuni partecipanti alla lotta hanno ancora l’obbligo di firma in caserma,

scontano processi interminabili, arresti inopinati o, notizia recente, ricevono avvisi di garanzia che li

accusano di aver commesso pesanti reati. Ormai è risaputo che le leggi hanno tutte un aspetto di

eccezionalità, di aggravio contro una data categoria di persone. Ciò deve indurre ad una riflessione

collettiva, innanzitutto laddove tende a massificarsi presenza sociale e produzione di conflitto. E’

ora che le accuse vengano restituite al mittente. E’ ora che cominci a pagare chi realmente deve

pagare!

E’, in questo frangente storico caratterizzato da una profonda crisi del capitale, ancor più evidente

come le scelte politiche assumano un carattere antiproletario: da un lato un incremento delle misure

repressive generali, un rafforzamento degli strumenti polizieschi, una militarizzazione sempre più

estesa dei territori, l’inasprimento delle sanzioni anti-sciopero e anti-manifestazioni, l’estensione di

campagne di criminalizzazione e la pratica dell’incriminazione delle lotte di settori irriducibiliincompatibili

allo status quo, l’azione continua volta ad assorbire e svilire l’opposizione sociale di

una nuova soggettività di classe, dall’altro si cerca di dare ossigeno, per legittimare l’azione dello

stato, ad un criminale canale politico-rappresentativo, incrementando l’azione negoziale svolta dalle

parti sociali (non solo sindacali) con l’unico intento di ammortizzare la crisi di governabilità

generata dalle scelte politico-economiche fatte da una classe dominante sempre più schiacciata su

dinamiche neo-corporative.

La stessa condizione repressiva viene vissuta anche dai centouno migranti che stazionano da

qualche mese sul nostro territorio (chi ci sta guadagnando?); dai tunisini (quelli della primavera

magrebina) fino a ieri detenuti nel CIE di S. M. Capua Vetere, un lager dove la repressione era

continua ed i migranti, stipati come in un pollaio, hanno bevuto candeggina o inghiottito pezzi di

vetro per protestare e denunciare una condizione illegittima di internamento. Siamo stipati anche

noi in un pollaio: un territorio parcellizzato, atomizzato e iper-sorvegliato da reti impalpabili

(virtuali e non) che è funzionale al controllo di qualsiasi espressione di dissenso e di rivendicazione

di bisogni e desideri. Ci abbagliano con spiragli di finta democrazia, ci fanno credere che siamo

ancora liberi di decidere. Un referendum sui beni comuni, sul nucleare, sul legittimo impedimento.

Ci dicono che se non verrà raggiunto il quorum saremo fottuti. Forse non lo siamo già? Lo saremo

un tantino in più? E’ in atto, già da tempo, una contrattazione sui beni comuni, su ciò che ci

appartiene, non per diritto, ma per necessità. Tutto ciò che è pubblico è divenuto privato (tra poco

ci venderanno anche l’aria come, d’altronde, già ci vendono l’acqua). Come possono venire a dirci

che abbiamo ancora la possibilità di essere uguali davanti alla legge se è proprio “la legge” che

reprime e reprimerà sempre le lotte sociali?

E’ urgente, a nostro modo di vedere, costruire una grande assemblea che affronti tutti i temi inevasi

che ancora riguardano la possibilità di poter modificare in positivo le condizioni di vita dei

vesuviani e produrre politiche autonome che contrastino con forza l’attuale sistema di gestione di

potere.

Liberare Spazi. Costruire Conflitto. Autodeterminare la propria esistenza!



MOVIMENTO DIFESA DEL TERRITORIO AREA VESUVIANA

COLLETTIVO AREA VESUVIANA

EX-SPAZIO AUTONOMO OCCUPATO ZONA ROSSA


Commenti (0)       Foto (0)       Video (0)       Audio (0)


Torna indietro

 
©2008 Pompeilab.com Tutti i diritti riservati - Webmaster