- Official site - 
Header Pompeilab
Benvenuto a mia.franz, ultimo utente registrato il 21-09-2018

Archivio Articoli


Pompeilab aderisce a "L'ora della terra" sab 27 mar

Clicca per leggere l'articolo

Pompeilab aderisce all'iniziativa del WWF L'ora della terra. SE VIVI SU QUESTO PIANETA NON PUOI MANCARE Sabato 27 marzo, un attimo prima dell'incipit del concerto dei THE MANTRA ATSMM, l'ex depuratore spegnerà tutte le luci, utilizzando una piccolissima torcia a basso consumo per leggere alla platea il breve comunicato di adesione a questo momento globale di risparmio energetico: 27 marzo dalle 20.30 aderisci all'evento globale del WWF L'ora della Terra.
In tutto il pianeta si spegneranno le luci per un'ora.
Monumenti, palazzi, negozi, appartamenti.

leggi tutto

Commenti (1)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Maledetta Primavera, presso la Stazione FS di Boscoreale

Clicca per leggere l'articolo

Anche La Stazione FS di Boscoreale – ass. Stella Cometa e Gruppo Cassiopea – aderisce alla manifestazione lanciata in tutta Italia da Rockit dal titolo “Maledetta Primavera – Musica Italiana Ovunque”. Sabato 20, dunque, il nuovo centro di incontro boschese nato grazie all’opera di volontari, festeggerà l’arrivo della primavera in musica con l’esibizione dei gruppi “Strip in midi side” ed “Apertass”. L’idea è quella di un concerto collettivo in contemporanea, in paesi lontani e piste diverse, organizzato da chiunque ne abbia voglia. Lo scopo è quello di promuovere la musica italiana dal basso,con un momento unico che valorizzi il variegato mondo delle realtà locali...

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Onore a te … Tonino Carino da Ascoli!

Clicca per leggere l'articolo

Tonino Carino, giornalista sportivo e voce storica del “grande Ascoli” degli anni ottanta, si è spento l’8 marzo scorso, a soli 65 anni, nella sua casa di Ancona a causa di un tumore al colon che gli era stato diagnosticato nel 2009. Classe 1944, marchigiano di Offida, inizia a scrivere nel 1969 per il Resto del Carlino. Nel 1971 passa al Corriere Adriatico, dove collabora fino al 1976, anno in cui approda alla sede regionale Rai di Ancona.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Speciale Musica: Intervista a Joe Barbieri

Clicca per leggere l'articolo

Joe Barbieri viene scoperto, nei primi anni ’90, da Pino Daniele che inizia a produrre, per ben sei anni, due lavori (“Gli Amori Della Vita Mia” nel 1993 e “Virus” nel 1998).
Dopodiché, dopo una partecipazione al Festival di Sanremo con il brano “Non Ci Piove” nel 2000, Joe Barbieri fonda nel 2003 la casa discografica “Microcosmo Dischi” pubblicando “Fuori Catalogo” in cui esegue sue canzoni solo con l’ausilio della chitarra.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

7 gennaio 1973. Il «discorso» dei capelli

Clicca per leggere l'articolo

La prima volta che ho visto i capelloni, è stato a Praga. Nella hall dell'albergo dove alloggiavo sono entrati due giovani stranieri, con i capelli lunghi fino alle spalle. Sono passati attraverso la hall, hanno raggiunto un angolo un po' appartato e si sono seduti a un tavolo. Sono rimasti lì seduti per una mezzoretta, osservati dai clienti, tra cui io; poi se ne sono andati. Sia passando attraverso la gente ammassata nella hall, sia stando seduti nel loro angolo appartato, i due non hanno detto parola (forse - benché non lo ricordi - si sono bisbigliati qualcosa tra loro: ma, suppongo, qualcosa di strettamente pratico, inespressivo).

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Speciale Musica: Whitetree – Cloudland

Clicca per leggere l'articolo

Che potrebbe accadere in uno studio di registrazione se si incontrassero Ludovico Einaudi e i To Rococo Rot? Uniscono i propri percorsi musicali e registrano “Cloudland”. Sembra quasi incredibile ma è così. Già la collaborazione di Einaudi con Fresu fu spiazzante, almeno per quanto mi riguarda, ma sembra quasi assurdo che un minimalista possa dividere l'aria di uno studio di registrazione con un gruppo di elettronica.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

6 marzo. "Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini?"

Clicca per leggere l'articolo

Elsa Morante. "Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera Di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato La condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte Per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse E tornaconto personaleLa maggioranza si rendeva naturalmente conto Delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte Piuttosto che al giusto Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra Il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

E’ quasi un ventennio

Clicca per leggere l'articolo

...L’atto di forza di questa notte consistente del decreto salva liste, invece, getta sui pochi capi già fasciati ma consapevoli della deriva antidemocratica del paese, una sensazione di sfiducia ed impotenza molto più tangibile della già palese sensazione di nullità che attraversava gli animi di tutti noi. Al di là delle evidenti incostituzionalità, infatti, permane un’amarezza oserei dire finale sui processi decisionali e politici del nostro paese. Un anno fa, intervistando Aldo Masullo, mi sentii dire che il mondo di oggi non ha in sé il valore della collettività e senza quest’ultimo nessun disagio sarà mai tangibile. E’ così.
In un altro paese, in un altro contesto, in un’altra epoca, un’azione del genere avrebbe avuto una risposta forse violenta, di sicuro decisa. Qui no...

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

GALLI SULLA MUNNEZZA

Clicca per leggere l'articolo

La storia di questi 16 anni di crisi dei rifiuti in Campania, che hanno causato l’avvelenamento radicale di terra, prodotti ed abitanti, è densa e piena di contraddizioni: dal piano Rastrelli al decreto Ronchi passando dalla FIBE-IMPREGILO al commissario straordinario Bassolino, da Prodi agli impianti di CDR fuori norma, dal prefetto di ferro Catenacci al superprefetto De Gennaro (quello del g8 di Genova), da BertolasoI a BertolasoII ed indagato, sino al Re-Berlusconi ed alla falsa fine dell’emergenza attraverso la moltiplicazione, manu militari, di megadiscariche ed inceneritori. Uno scenario drammatico, che diventa incubo se lo osserviamo dai nostri paesi (l’area vesuviana di Terzigno, Boscotrecase e Boscoreale) interessati da un accanito inquinamento che ha inizio nei lontani anni ’70. Se oggi l’attenzione è rivolta alle due nuove discariche (di cui una funzionante dalla scorsa estate e l’altra, Cava Vitello, di dimensioni spropositate, pronta ad essere inaugurata) che fanno scomparire sotto una coltre di rifiuti l’idea di un Parco Nazionale del Vesuvio, nulla si dice della vecchia SARI, discarica esaurita nel 1995 ...

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Speciale Musica: Ultimo Attuale Corpo Sonoro – Memorie e violenze di Sant'Isabella

Clicca per leggere l'articolo

Ultimo Attuale Corpo Sonoro è un gruppo-progetto di Verona in cui sonorità post-rock e alternative sono solo il mezzo per raccontare storie italiane (e non), politiche, che ci riguardano in prima persona anche se ci appaiono lontane, sia a livello temporale-spaziale che da un punto di vista personale. “Memorie e violenze di Sant'Isabella” è un disco di denuncia, da leggere, ascoltare, in cui ci sono parecchi riferimenti storico-culturali che Gianmarco Mercati, voce e testi degli UACS, suggerisce all'ascoltatore nei suoi brani.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

IL RE E' SEMPRE PIU' NUDO

Clicca per leggere l'articolo

Dopo le ultime vicende che hanno visto ancora una volta la repressione poliziesca mortificare la libera espressione del dissenso e zittire la voce rabbiosa di popolazioni sempre più considerate “merce virtuale” dai rappresentanti del capitale totale, non bisogna demordere. Abbiamo capito ancora meglio, dopo il carnevale di Boscoreale, che ogni qualvolta i comitati ed i movimenti autonomi, che dal basso cercano di far valere la propria progettualità antagonista, esercitano un diritto di veto definitivo articolando lo sforzo necessario adeguato alla ri-conversione complessiva di questo perverso “modello di sviluppo”...

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

SU NAPOLI MONITOR DI QUESTO MESE...

Clicca per leggere l'articolo

Napoli Monitor n.29, gennaio-febbraio 2010
In copertina - La fuga delle notizie. Ha ancora un senso il mestiere di giornalista. Cosa si impara nella gavetta in redazione? E nelle costose scuole specializzate? Forse non è più questione di status ma di capacità di raccontare, immaginando altri luoghi dove mettersi alla prova
Pag. 2 e 3 – Finita un’emergenza se ne fa un’altra. Il governo chiude per decreto il capitolo dei rifiuti. Intanto incalzano inquinamento, disoccupazione, licenziamenti…

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)


Pag [ 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 ]



Torna indietro


©2008 Pompeilab.com Tutti i diritti riservati - Webmaster