- Official site - 
Header Pompeilab
Benvenuto a mia.franz, ultimo utente registrato il 21-09-2018

Archivio Eventi


Sabato 12 Luglio ore 21:00 - Proiezione documentario “Fronte Italia, partigiani del 2000. Dai NO TAV ai NO MUOS , tutti i no della resistenza” (durata 85 min.), a seguire dibattito con l'autore Fulvio Grimaldi. Montaggio a cura di Paola Bracciale.

Clicca per leggere l'articolo

Anche in un periodo di crisi e difficoltà per crescenti porzioni di popolazione, l'unico interesse di una sempre più esigua minoranza sembra irrimediabilmente lo stesso: costruire e arricchirsi, anche a discapito della salute e della sicurezza di intere popolazioni.
Chi si oppone e resiste in Valsusa come in Sicilia è additato come terrorista e sottoposto al fuoco di fila della maggioranza della classe politica, della disinformazione dei media, dell'arroganza di polizia e della severità della magistratura.

Il Pompeilab è entusiasta di ospitare nuovamente Fulvio Grimaldi per la presentazione del suo ultimo docufilm nel quale lo scempio della TAV Torino-Lione e quello del sistema ad alte frequenze MUOS ci riportano alla mente le vicende di casa nostra: colate di cemento per costruire ulteriori centri commerciali, l'inquinamento del fiume Sarno che avvelena i nostri territori o le lotte per impedire la costruzione della discarica nel parco del Vesuvio.

Resistere è un nostro dovere.

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2013/12/guerra-globale-fronte-italia-no-muos.html
http://youtu.be/za-VGJdNgTU

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (7)     Video (0)     Audio (0)

Venerdì 11 Luglio ore 22:30 – Spiral69 in concerto

Clicca per leggere l'articolo

Riccardo Sabetti, già fondatore della band Pixel, e bassista/chitarrista del gruppo dark-wave partenopeo Argine, nel 2007 lascia gli Argine per dedicarsi al proprio progetto solista Spiral69. Il nome Spiral69 viene da una pellicola hard tedesca degli anni 1980, e viene scelto durante le session di registrazione del primo album, avvenute in una villa sull'isola di Procida. Nel progetto Spiral69, Sabetti mischia le proprie precedenti esperienze, l'industrial dei Pixel e la vena gotica e malinconica degli Argine, con un suono a metà tra il folk, la new wave, l'elettronica e il rock.
Nel maggio 2009, in co-produzione con l'etichetta indipendente Megasound, pubblica l'album d'esordio, "A Filthy Lesson for Lovers", scritto, arrangiato e suonato interamente da Sabetti. Al disco segue un tour di più di settanta concerti in quindici mesi in Europa. Da questa esperienza si costruisce attorno a Riccardo Sabetti un vero e proprio gruppo: Licia Missori (piano), Enzo Russo (chitarra) e Stefano Conigliaro (batteria). Nell'album e nei concerti vi sono collaborazioni con altri musicisti, come: Marco Manusso, Andrea Ruggiero, Edo Notarloberti, Stefano Ratchev ed Emanuele Colella.
Il 14 febbraio 2010, gli Spiral69 pubblicano per la rivista italiana Ritual, "Fake Love", singolo in download gratuito dal sito della rivista, con la collaborazione di Simone Salvatori degli Spiritual Front. Nell'ottobre 2010 la band viene invitata da Steve Hewitt come band di supporto nel tour italiano del suo nuovo progetto Love Amongst the Ruin. Nel marzo 2011 la band pubblica il secondo album, No Paint On The Wall. L'album è realizzato insieme con la band che ha accompagnato Sabetti nel tour del primo album.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (81)     Video (0)     Audio (0)

Domenica 06 Luglio ore 21:30 “Fiorenza canta Viviani” con Fiorenza Calogero (voce), Marcello Vitale (arrangiamenti e chitarra battente), Carmine Terracciano (chitarra classica), Erminia Parisi (danza)

Clicca per leggere l'articolo

Fiorenza Canta Viviani nasce con l'intento di riportare all'attualità quelli che sono i temi principali dell'opera del grande commediografo stabiese: la prostituzione, la malavita, gli emarginati, la disoccupazione; fenomeni sociali tutt'oggi in essere. Il linguaggio musicale è tipico del popolo rappresentato nelle opere di Viviani: la tarantella nelle sue molteplici forme e la tammurriata.
Il sound, inasprito da tammorre e chitarra battente, rievoca il gioioso clamore dei vicoli, la compianta lontananza di un marinaio, la folle disperazione degli zingari, l'orgoglio malinconico di Bambenella. Attraverso i brani più rappresentativi e tramite i contenuti multimediali che caratterizzano lo spettacolo, Fiorenza conduce lo spettatore in quello straordinario universo che è Napoli, con i suoi tesori e il suo degrado, svelandone la sua poetica e talvolta cruda verità.

“Questo concerto, come direbbe lo stesso Viviani, è una "lotta che ci rende lottatori". Una lotta quotidiana, che ogni giorno si è costretti a sostenere. Fu una lotta per Lui e lo è per noi, tutte le volte che rileggiamo i suoi capolavori, con la consapevolezza di renderli materia viva e non museale. Una lotta per il passato, per il presente e per il futuro, contro i mille elementi che sono da superare prima di giungere alla meta: l'autenticità, la verità.”
Enzo Avitabile


Botteghino:
Pompeilab - Martedì dalle 20:00 alle 23:00 - via Astolelle area "Ex Depuratore" - Pompei
Pompei - Cartolibreria Gianburrasca - via Lepanto, 76

Contatti:
Per informazioni: +39 3288775898, +39 3394881963, +39 3398666768
info@pompeilab.com
www.pompeilab.com

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (8)     Video (0)     Audio (0)

Giovedì 3 Luglio ore 21:30 – Presentazione libro “La poltrona di seta rossa” di Letizia Vicidomini, edito da Homo Scrivens

Clicca per leggere l'articolo

Una scrittrice pura, una saga familiare velata di magia (Maurizio de Giovanni)
Storie individuali e vicende nazionali si intrecciano nell’appassionata narrazione di Letizia Vicidomini, che coinvolge generazioni di anime e personaggi a partire dalla capostipite, la centenaria Ernestina.
Dalla scuola per signorine nel cuore di Napoli, dove si consuma la prima esperienza d’amore, all’inserimento difficile nella casa dei suoceri, a Sorrento, il romanzo viaggia attraverso ritratti di figli, nuore, cognate e nipoti, che hanno vissuto la recente storia italiana: la guerra, con la sua scia di morti, le Quattro Giornate, la ripresa del mondo del lavoro, finalmente aperto anche alle donne.
La saga familiare confluisce nella figura di Angel, il nipote preferito di Ernestina, dotato di una personalità complessa e di un “dono” speciale, che sa di magia.
Ad accompagnare la narrazione il live in acustico dei Klag (Keplero - chitarra e voce/ Angelo Colanieri - basso)

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Sabato 21 Giugno ore 22:30: SYCAMORE AGE in concerto.

Clicca per leggere l'articolo

“SycamoreAge#1Remixes/Reworks”
Un oggetto volante non identificato. La band di Arezzo riesce nell'impresa di fare perdere qualsiasi coordinata spaziotemporale. Da dove viene questa meraviglia? Da quale epoca?
Quella del sicomoro, nell'Antico Egitto albero utilizzato per la costruzione di sarcofagi. Voci aliene da un altrove sconosciuto, pioggia di trombe che cavalcano lande inesplorate della psiche, un piano straziante, un'arpa. Senza parole. Marco Bassetti (Il Mucchio)

Sono passati due anni dalla pubblicazione del fortunatissimo album omonimo uscito perSanteria / Audioglobe. Il disco ha raccolto consensi entusiastici da parte degli addetti ai lavori ma, soprattutto, dal pubblico che ha presenziato agli oltre settanta concerti che hanno seguito l'uscita di "Sycamore Age". I concerti della band aretina, infatti, sono una festa, per gli occhi e le orecchie celebrata, in un tripudio di strumenti tra i più bizzarri, da 7 musicisti di grande personalità; a detta di molti tra i migliori live disponibili in Italia. Ma la musica dei Sycamore Age è riuscita a travalicare i confini nazionali. L'album è stato promosso e pubblicato anche in Francia, GAS e Benelux ricevendo importanti attestazioni di stima. La band ha realizzato e diffuso vari video a sostegno dell'uscita dell'album e, soprattutto, due videoclip ufficiali che hanno avuto riscontri importanti; "Happy!!!” (Blend Communication) ha raccolto oltre 20.000 visualizzazioni in due giorni su VEVO, mentre “Heavy Branches”, realizzato da Roberto Dippolito, ha vinto il Premio PIVI 2013 nella sezione miglior soggetto.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Domenica 29 Giugno ore 21:30 “Tentata Memoria – orazione civile di rito Beneventano” di e con Eduardo Ammendola regia di Nicola Laieta

Clicca per leggere l'articolo

7 novembre 1980. È l'alba quando Domenico Beneventano viene ucciso a colpi di pistola a due passi da casa. Medico, comunista militante, cattolico praticante e consigliere comunale dal 1975 a Ottaviano, Beneventano ha sempre dimostrato di aver coraggio nel denunciare pubblicamente gli atti camorristici di Raffaele Cutolo e di chi lo seguiva, usando parole dure e dirette. Ma il suo coraggio è stato punito, le minacce sono diventate realtà e il giovane medico viene sparato e ucciso davanti alla madre.

Tentata memoria incrocia in maniera ironica ed emozionante, spiazzante e improvvisa, articoli giornalistici e ricordi personali, documenti storici e personali episodi di vita Vesuviana, attraverso i quali Eduardo Ammendola, neuropsichiatra infantile, psicoterapeuta e attore/regista teatrale ottavianense, ricorda insieme al pubblico frammenti di vita e frammenti di storia della sua terra e di Domenico Beneventano,
trasformando la sua orazione civile in un vero e proprio rito di memoria collettiva.

A distanza di trent'anni, chi è nato in quel periodo ha ormai la stessa età che aveva Beneventano all'epoca dell'omicidio. Oggi, una nuova generazione di vesuviani si interroga sul passato difficile da cui è partita la propria esperienza di vita, sulle parole ascoltate a quei tempi da genitori e insegnanti, e sulle scelte del presente. «Chi è Mimmo?», si chiede il protagonista dello spettacolo. Riuscendo, forse, a trovare qualche risposta.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (34)     Video (0)     Audio (0)

Venerdì 06 Giugno ore 22:00 -Pennelli di Vermeer - Live di presentazione del nuovo cd/concept album "NoiaNoir"

Clicca per leggere l'articolo

Portavoce di un filone definito dalla critica "rock pittorico", l'eclettica band Pennelli di Vermeer, dopo la parentesi musico-teatrale de La Sacra Famiglia, torna al PompeiLab a presentare il suo terzo disco edito dalla Marotta&Cafiero Recorder, un concept album musicalmente trasversale i cui testi denunciano in chiave ironica la speculazione attuata dal "sistema dell'informazione" intorno ai casi di cronaca nera. L'album, la cui stampa è stata co-prodotta attraverso la piattaforma di crowdfunding Produzioni dal basso, sarà reperibile da giugno nei migliori negozi di dischi, online e nelle librerie Marotta&Cafiero, di cui una ha sede nel foyer del Teatro Bellini di Napoli e l’altra nell’Istituto Vittorio Veneto di Scampia, nonché durante i live della band.


Sinossi del concept/album

Un misterioso caso di omicidio, quello della soubrette televisiva Mrs Rose, sconvolge un intero quartiere, diventando - in breve - tormentone mediatico.
Dall'omicidio all'indagine, dalla cattura dell'assassino al suo processo, NoiaNoir è prima di tutto un “noir sociale” che si snoda attraverso 12 canzoni e due intermezzi musicali,
nei quali emergono fattori e comportamenti umani accomunati da un solo indizio: la noia. D'altronde, solo una società annoiata può perdersi nei risvolti di un caso di omicidio.
La spregiudicatezza dei media, interessati a questo caso solo per trarne profitto economico, fa sì che la realtà si mescoli alla finzione e che la paura e il sospetto dilaghino al punto da chiedersi: “Chi è il vero colpevole? Il killer o il “sistema” dell'informazione?”.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (93)     Video (0)     Audio (0)

Giovedì 29 Maggio ore 21:30 – Proiezione cortometraggio “Janvier” con Didier Daimonax, regia di Pierpaolo Patti

Clicca per leggere l'articolo

Scritto dallo stesso regista, Pier Paolo Patti, insieme a Emanuele De Amicis, Janvier, interpretato da Didier Daimonax, è un musicista francese di mezza età, alienato e consumato dalla vita, che vive ai margini di una metropoli dove si affastellano e confondono - nella monocromia di lamiere e cemento - le etnie, le voci, i
rumori degli esclusi.

Janvier è incompatibile col mondo che lo circonda, ma sfugge alle sue dinamiche attraverso l’anonimato, l’auto-esclusione: non essere nessuno gli permette di essere libero di “attraversare” la città, di interpretarla e
interagire con essa a modo suo.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Sabato 24 Maggio ore 21:00 - Presentazione V Rassegna Teatrolab con Recital d’Autore con la partecipazione straordinaria di Peppe Barra e Luca Urciuolo (pianoforte)

Clicca per leggere l'articolo

Nel suo “Recital d'Autore” Peppe Barra, accompagnato al pianoforte dal Maestro Luca Urciuolo, canterà brani dagli ultimi lavori discografici alternati a racconti di fiabe del primo barocco con maggiori accenti a quelle del Basile (autore e poeta seicentesco) che fu anche autore de 'lo cunto de li cunti', a cui si ispirò Roberto de Simone nella stesura della Gatta cenerentola , grande e fortunato lavoro che fece assurgere Barra a stendardo dell'opera stessa (in cui vestiva i panni della matrigna!) e lo incornicio come artista superbo e dai toni vocali unici e variopinti
Una contaminazione tra passato e futuro, tra opera buffa e canzone moderna: un viaggio affascinante e senza confini che Barra racconta con un'ironia e un sarcasmo tutto partenopeo.

Favole antiche e storie della modernità fungono da cornice metateatrale nella quale, abile e sinuosa, fluttua l'inconfondibile arte di Peppe Barra, artista dotato di grande voce, unica e rara, di un timbro colorato ed originale che sempre regala al suo fedele pubblico altissimi momenti canori e squarci teatrali quanto mai goliardici.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (69)     Video (0)     Audio (0)

Domenica 18 Maggio ore 22:30: Ipercussonici - Carapace live tour

Clicca per leggere l'articolo

CARAPACE non è solo il titolo dell'ultimo album dei iPERcusSonici, ma anche un live catartico dove per scelta è la musica che mette in movimento con il supporto di una texture alchemica che analogicamente si scolpisce tra i ricami della percezione. Un viaggio nell’universo infinitamente macro e delicatamente micro.
La loro musica, cantata in siciliano, cerca di combinare musica popolare, trance, reggae e rock.
Gli Ipercussonici, pur presentando chiare radici nella tradizione folk siciliana, fondono generi e culture musicali anche molto distanti tra loro, concettualmente e geograficamente, tra ritmi, strumenti e sonorità provenienti da svariate culture tradizionali, filtrate attraverso influenze metropolitane come blues, rock, reggae, drum and bass ed elettronica. La strumentazione prevede l'elettrificazione del marranzano, percussioni della poliritmia westafricana, il didjeridoo degli aborigeni australiani.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (12)     Video (0)     Audio (0)

Teatrolab 2014 - APERTA CAMPAGNA ABBONAMENTI

Clicca per leggere l'articolo

Anche quest'anno continua la grande avventura teatrale con la V Rassegna Musicale e Teatrale del Pompeilab.
Si parte il 24 Maggio con la presentazione della Rassegna con Peppe Barra nel Recital d’Autore accompagnato al pianoforte da Luca Urciuolo. Nel suo “Recital d'Autore” la musica è intrisa di magia, di folclore ammaliante, una contaminazione tra passato e futuro, tra opera buffa e canzone moderna, un viaggio affascinante e senza confini che Barra racconta con ironia e sarcasmo tutto partenopeo. Favole antiche e storie della modernità fungono da cornice metateatrale nella quale, abile e sinuosa, fluttua l'inconfondibile arte di Peppe Barra, artista dotato di grande voce, unica e rara, di un timbro colorato ed originale che sempre regala al suo pubblico altissimi momenti canori e squarci teatrali quanto mai goliardici.
Il 15 Giugno Eduardo Ammendola diretto da Nicola Laieta ricorderà frammenti di vita e frammenti di storia di Domenico Beneventano, medico, comunista militante, cattolico praticante e consigliere comunale a Ottaviano, sparato e ucciso davanti alla madre nel novembre del 1980 perché colpevole di aver denunciato pubblicamente, usando parole dure e dirette, gli atti camorristici di Raffaele Cutolo e di chi lo seguiva. Tentata memoria incrocia in maniera ironica ed emozionante, spiazzante e improvvisa, articoli giornalistici e ricordi personali, documenti storici e episodi di vita Vesuviana, trasformando la sua orazione civile in un vero e proprio rito di memoria collettiva. Lo spettacolo è presentato dalla Fondazione Mimmo Beneventano.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (0)     Video (0)     Audio (0)

Domenica 4 Maggio ore 21:30 – Faber Vita, amore, Anarchia Sesta Edizione

Clicca per leggere l'articolo

Pompeilab ricorderà Fabrizio. Musica, poesia e parole saranno l'anima. Band locali, amici ed affetti
ne saranno i portatori.
Per il sesto anno consecutivo Pompeilab prova, pur conoscendo la difficoltà e la complessità dell''impresa, ad abbracciare Fabrizio De Andrè a 15 anni dalla sua scomparsa.
Il poeta, "precauzionalmente un cantautore", ha lasciato la sua voce nei nostri genitori prima che in noi, e resterà indelebile anche nei nostri figli di oggi e di domani. L'arte di Faber la riscopriamo ogni giorno nelle sue parole ed in quei mille pensieri che, fatti poesia, riescono a palesarsi dinanzi ai nostri occhi nei tanti attimi di vita quotidiana. In un dolore come in una gioia. In un sorriso di una passante come negli occhi della donna amata. Nelle lotte di un popolo contro un sopruso così come nella consapevolezza dell'amarezza della vita ogni volta che ci cascano addosso pesi e responsabilità.

leggi tutto

Commenti (0)     Foto (137)     Video (0)     Audio (0)


Pag [ 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 ]



Torna indietro

 
©2008 Pompeilab.com Tutti i diritti riservati - Webmaster